In cucina

10 strumenti per la cucina di cui non sapevate di avere bisogno

Condividi

Nel mondo della ristorazione e del bar esistono diversi prodotti che incontrano esigenze molto particolari, talmente di nicchia che in pochi li conosco e cercano. In realtà, sono esattamente gli strumenti di cui non potete fare a meno per la vostra cucina una volta scoperti. 

  1. Pinza per scaffali. Si tratta di un’asta lunga che termina con una pinza, perfetta per afferrare anche le bottiglie dei ripiani più alti, quelle che si usano talmente poco che vengono rintanate nell’angolo più remoto della bottigliera e che, quando vengono richieste, costringono all’utilizzo di scalette e rialzi. Per ovviare al problema, basta la pinza per scaffali.
  2. Lemon wraps. Sono dei piccoli quadratini di stoffa da avvolgere attorno a mezzi o quarti di limone, da richiudere con apposito laccetto per poterlo spremere sopra le portate evitando che il succo schizzi e che i noccioli non cadano nel piatto. Un’idea se possibile banale, ma che riesce a donare al piatto un tocco di eleganza sobria e naturale.
  3. Porta condimenti Tablecraft. L’ultimo modello di condiment holder firmato TPC è riuscito in ciò che ogni altro modello precedente non era stato in grado: permettere il riempimento dall’alto e la raccolta dal basso, di modo che i condimenti prelevati siano sempre i primi a essere stati tagliati e nessun prodotto perda freschezza rimanendo tagliato troppo a lungo.
  4. Kit Rapid Infusion iSi. Si tratta di un accessorio da applicare al sifone della linea Gourmet Whip di iSi per garantire infusioni e aromatizzazioni più rapide e intense. Quando si ha poco tempo ma anche quando si vuole raddoppiare il gusto, il kit di infusione rapida è la soluzione perfetta!
  5. Magic Drop. Un prodotto firmato 100% Chef che serve per creare un film sottilissimo sul piatto, facendo risaltare le gocce di salsa e liquido che si applicano con l’impiattamento, facendone risaltare il colore come fossero piccole gocce di mercurio.
  6. Rompighiaccio flessibile. Uno strumento di lavoro super economico firmato The Bars. Corpo in plastica e cuore in acciaio, serve a spaccare i pezzi di ghiaccio con incredibile efficienza e senza sforzi. Basta lasciar oscillare lo strumento e fargli colpire il ghiaccio, per ottenere frammenti istantanei regolari da utilizzare nei propri drink.
  7. Cucchiaino Espresso Modishspoon. Un cucchiaino firmato Eme dal design innovativo che fende la crema del caffè senza romperla e può essere appoggiato al bordo della tazzina senza cadere, per garantire la massima igiene. Bilanciato e antigraffio, permette lo scioglimento dello zucchero senza rovinare la consistenza dell’espresso. Un cucchiaino di nuova generazione per i puristi delle migliori miscele.
  8. Estrattore di succhi. All’apparenza una pentola, in verità uno strumento tipico delle aree settentrionali del nostro territorio, quelle che coltivano perlopiù mele, come il Trentino. Si tratta infatti di un prodotto perfetto per estrarre il succo dalla frutta che cuoce a vapore, mantenendone così intatte le vitamine e i componenti più salutari. Nulla di elettrico, solo strati di pentole e scolapasta a incastro che permettono la cottura su ogni fonte di calore e la raccolta del succo tramite un apposito tubo di gomma.
  9. Bottiglietta spray per polvere. Un altro strumento dell’azienda 100% Chef da non sottovalutare. Si tratta infatti di una bottiglietta con vaporizzatore, che invece di essere impiegata per i liquidi, può essere riempita con delle speciali polveri edibili utili a decorare e colorare i piatti. Normalmente la polvere intasa i meccanismi degli spray, ma non in questo caso: il corpo è infatti studiato proprio per garantire la massima efficacia nella vaporizzazione delle piccole particelle solide.
  10. Apriuova. Ultimo prodotto, sempre firmato 100%, disponibile in due formati: per uova di gallina o di quaglia, quindi per uova più grandi o più piccole. Anche qui, nessun tipo di meccanismo elettronico ma solo meccanico. Basta appoggiare la calotta dello strumento sulla sommità dell’uovo, tirare verso l’alto il pomello nero e poi rilasciarlo per creare una crepa o un foro che ne permetta l’apertura facilitata, specie nel caso di uova alla coque.