Germogliatore e semi: uso e vantaggi, tra cucina e bancone

germogli da germogliatoreIl germogliatore è uno strumento attraverso cui è possibile far germogliare i semi di varie specie di piante.

In questo approfondimento vi spiegheremo come ottenere in modo semplice una germogliazione fai-da-te, non solo in un contesto professionale ma anche casalingo, usando e sfruttando al meglio il germogliatore.

COS’È IL GERMOGLIATORE

Il germogliatore è un contenitore che serve a riporre i semi da far germogliare; attraverso il suo utilizzo si evita la formazione di muffe e si ottimizzano gli spazi, permettendo la gemmazione in una superficie ridotta di più specie di semi contemporaneamente.

Il prodotto che vi proponiamo può coltivare simultaneamente fino a quattro varietà di germogli, facendo defluire l’acqua raccolta in una vaschetta, in modo che non si formino muffe al suo interno.

Grazie al germogliatore si possono coltivare i butti di diverse specie di piante: è infatti possibile far germogliare in casa, o nel proprio locale, i semi di soia, grano, porro, rucola, cipolla, fagioli, piselli, broccoli, ravanelli, trifoglio, lenticchie, barbabietole e molte altre ancora. I semi contengono l’embrione della propria specie e sono ricchi di vitamine, sali minerali e sostanze di riserva che la pianta accumula per poter far sviluppare il germoglio.

 

 

COME SI UTILIZZA IL GERMOGLIATORE

Prima di introdurre i semi nel germogliatore è bene tenerli in ammollo nell’acqua per il tempo indicato sulla confezione, solitamente una notte. La mattina seguente, la semenza va scolata e riposta all’interno dello strumento.

Per poter germogliare, i semi hanno bisogno di luce, senza però essere esposti ai raggi diretti del sole e a fonti di calore eccessive. Ogni tipo di semente gemma in un tempo variabile, l’importante è avere cura di vaporizzarla una o due volte al giorno. Nell’arco di qualche giorno la vedrete aprirsi, poi spuntare la sua radichetta e infine le prime foglioline: ecco il segnale che i suoi semi possono essere consumati!

germogli da germogliatore

QUALITÀ E VANTAGGI

Il germogliatore Germoglio, fatto di materiale plastico atossico, è silenzioso, completamente automatico, a bassissimo consumo ambientale ed energetico (15 W) e, come detto, in grado di coltivare simultaneamente fino a quattro varietà diverse di germogli.

In fase di germinazione, ricordiamo che il seme è nel momento di massima energia, tanto che la concentrazione di sostanze nutritive è circa dieci volte maggiore rispetto alla pianta adulta.

Da non sottovalutare è poi l’effetto ‘Km zero’: con una scatoletta di 200 grammi di semi di rucola, ad esempio, con meno di un euro al mese ci si garantisce una scorta annuale di insalata fresca e consistente.

Per quanto riguarda la sua pulizia, è sufficiente utilizzare un semplice sapone per piatti; è possibile smontare il filtro azzurro della pompa, muovendo i quattro gancetti bianchi che la tengono bloccata, e pulire il vano utilizzando una spugnetta.

Altro vantaggio di non poco conto è che sia i vassoi che l’irrigatore possono essere messi in lavastoviglie.

germogli da germogliatore

PROPRIETÀ DEI SEMI GERMOGLIATI

Il processo di germogliazione consente di consumare i semi crudi rendendoli digeribili, nonché di assimilarne gli enzimi, le vitamine, gli aminoacidi e gli oligoelementi. Il seme contiene infatti numerose proteine, che durante la germinazione vengono trasformate in sostanze più facilmente assimilabili dal nostro organismo, aiutandolo a disintossicarsi, rafforzando la memoria e stimolando il sistema immunitario.

I semi germogliati sono inoltre poveri in grassi e ricchi di minerali e vitamine, utili per chi segue un’alimentazione vegana e vegetariana. Il loro sapore è delicato e non particolarmente marcato, si consumano da cotti o crudi e possono essere mangiati da soli o in aggiunta a zuppe e minestre, cereali e insalate.

IL GERMOGLIATORE IN CUCINA E NEL VOSTRO LOCALE

In cucina, l’uso del germogliatore spazia dalla pastasciutta all’insalata, fino all’inaspettata pizza. I germogli di aglio, porro o cipolla possono ad esempio sostituire il soffritto per preparare la pasta, quelli di erba medica danno sapore e consistenza a un’insalata mista, la soia si sposa con minestre e piatti caldi, mentre il porro germogliato rende unico il sapore di una frittata. Il tutto a dimostrazione di come questo strumento sia utile e utilizzabile in un contesto tanto domestico quanto lavorativo.

Alcuni semi hanno inoltre funzioni dimagranti: i fagioli di soia contrastano l’accumulo di adipe, soprattutto dopo un pasto pesante; quelli di crescione hanno proprietà depurative e tengono sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue; quelli di fieno greco e di cavolo rosso velocizzano la digestione, evitando gonfiore di pancia e riattivando il metabolismo.

Cosa aspettate? Che sia per la vostra cucina o locale, non fatevi scappare su RG Mania il germogliatore germoglio in plastica bianca e verde!

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *